Tweet

Sonno e ciclismo: come il riposo aiuta a pedalare meglio

Sonno e ciclismo: come il riposo aiuta a pedalare meglio

Riposare è fondamentale per la rigenerazione fisica e mentale di chiunque, soprattutto per gli atleti. Ecco perché è molto importante la correlazione tra sonno e ciclismo per gli amanti delle due ruote

sonno_e_ciclismo__come_il_riposo_aiuta_a_pedalare_meglio

Riposare è fondamentale per la rigenerazione fisica e mentale di chiunque, soprattutto per gli atleti. Ecco perché è molto importante la correlazione tra sonno e ciclismo per gli amanti delle due ruote

Per un ciclista è fondamentale l’allenamento, ma anche il buon riposo. Non basta dormire abbastanza poco prima di una gara importante, è bene acquisire una sana e regolare abitudine sonno-veglia.

Dormire bene significa rigenerare corpo e mente nel migliore dei modi e curare il riposo è importante tanto quanto la giusta alimentazione e il buon allenamento, soprattutto per un ciclista. Ma qual è la correlazione tra sonno e ciclismo e come si può riposare meglio?

Trucchi e consigli comportamentali per dormire meglio

Un ciclista non professionista dovrebbe riposare 7-8 ore al giorno, mentre un ciclista più impegnato dovrebbe seguire una formula ben precisa per favorire i processi di rigenerazione muscolare: 8 + (numero km settimanali/50) x 0,5. Il risultato di questa formula sono le ore di sonno raccomandate secondo lo stile di vita del ciclista.

Quello che bisogna sempre tenere presente è che il buon riposo incide molto sulle prestazioni in sella, e può essere utile anche un bel sonnellino pomeridiano. Ma come si può regolare il sonno e la veglia in modo corretto?

Evita smartphone e schermi luminosi prima di dormire

La melatonina è uno degli ormoni che genera la sonnolenza, la sua produzione è bloccata dalla luce, così che durante il giorno restiamo vigili. In assenza di luce, la melatonina comincia ad accumularsi stimolando la sonnolenza e, quindi, ti induce a dormire. Questo non succede se quando sei a letto fissi uno schermo luminoso come quello di uno smartphone, un tablet o un pc. La luce di questi dispositivi può disturbare la normale produzione di melatonina e l’orologio biologico che regola il sonno e la veglia.

Evita di allenarti di sera

Allenarsi di sera non è mai consigliabile per un atleta. È molto meglio darsi, invece, ad attività ben più rilassanti prima di andare a letto, come leggere un libro, rilassarsi sul divano o bere una tisana. Contrariamente a quanto si possa credere, allenarsi di sera non ti stanca tanto da farti dormire subito, al contrario l’allenamento alza la temperatura corporea e stimola l’adrenalina e altri ormoni eccitanti che ti renderanno difficile dormire per qualche ora.

Vai a letto alla stessa ora

Non è facilissimo, ma dovresti abituarti di andare a letto sempre alla stessa ora, o in orari regolari in base alle ore di sonno di cui hai bisogno. Inoltre, evita di bere molto prima di dormire, in modo da non doverti alzare per andare al bagno, interrompendo il sonno.

Cura l’alimentazione

Per dormire bene, la cena è molto importante. Non deve assolutamente essere saltata, poiché il senso di fame può disturbare il sonno, e deve essere una cena molto leggera, consumata tre ore prima di dormire.

© 2013 SUPERBICI