Tweet

Ciclismo over 50: pedalare superati gli anta

Ciclismo over 50: pedalare superati gli anta

Il ciclismo è uno sport adatto a tutte le età, sia che tu sia salito in sella già da giovanissimo, sia che lo hai fatto in età più avanzata. Ecco perché fa bene pedalare dopo gli anta

ciclismo_over_50__pedalare_superati_gli_anta_

Il ciclismo è uno sport adatto a tutte le età, sia che tu sia salito in sella già da giovanissimo, sia che lo hai fatto in età più avanzata. Ecco perché fa bene pedalare dopo gli anta

Superati i 50 si possono avere alcuni acciacchi come dolori alla schiena, problemi all’anca o alle ginocchia o qualche doloretto muscolare. Ebbene, non è il caso di abbatterti. Queste non sono che piccole sfide che puoi superare per non abbandonare la bici ed essere in forma tutta la vita!

Il ciclismo over 50 è possibile, basta soltanto conoscere bene i propri limiti e le proprie necessità fisiche, fare frequenti visite di controllo e modificare di poco gli allenamenti, ma non devi assolutamente pensare di non avere più l’età per pedalare.

Perché fa bene pedalare anche a 50 anni

Con il passare degli anni, le prestazioni fisiche tendono a calare inesorabilmente. I capelli bianchi, però, rendono un ciclista più esperto, sia per quello che riguarda i propri limiti fisici sia per quello che riguarda i punti di forza e il comportamento da tenere su strada.

Comunque sia, fare sport è sicuramente il modo migliore per rallentare di parecchio il processo di invecchiamento, sempre che non si tenda a esagerare. È dimostrato che chi fa sport anche da meno giovane vede meno il medico rispetto a chi non fa esercizio fisico. Diabete, ipertensione, problemi circolatori e cardiovascolari possono essere prevenuti dal ciclismo. La possibilità di ammalarsi di malattie cardio-circolatorie diminuisce del 40-50% per chi fa sport. Ecco perché è sempre una buona idea avere uno stile di vita sano e fare attività fisica anche dopo gli anta.

Consigli per i ciclisti over 50

Le persone che non presentano fattori di rischio o che non soffrono di nessuna malattia possono allenarsi a carico massimo anche dopo i 60 anni. Ovviamente, però, dopo una certa età è sempre meglio seguire qualche accortezza in più per la propria salute e il proprio benessere, senza esagerare o strafare come quando si avevano 20 anni. Ecco qualche consiglio:

  • Usa una bicicletta adatta

Quando si avanza con l’età, è sempre meglio optare per la comodità. Acquista una bici che abbia pneumatici larghi, così da ammortizzare le vibrazioni, e un manubrio un po’ più alto per non tenere la schiena troppo piegata, ma per lo più dritta.

  • Acquista una sella comoda

Sostituisci la tua sella con una che abbia una forma che riesca a ridurre la pressione sul perineo e la prostata, così da non stressare le parti a rischio infiammazione. Queste ultime presentano dei canalini e dei tagli centrali adatti a queste esigenze. Inoltre, esistono selle anatomiche con cuscinetti in gel, con proprietà ipoallergeniche e traspiranti, perfette per assorbire urti e vibrazioni.

  • Fai controlli annuali dal medico

È molto importante tenere sotto controllo la propria salute, sempre. Ogni anno è indicato sottoporsi a un check-up medico sportivo che includa un elettrocardiogramma sotto carico, esame del sangue, controllo della pressione arteriosa e un’ecocardiografia.

  • Rallenta il ritmo

È vero che un ciclista esperto spesso pecca di “overconfidence”. Tieni sempre presente che non hai più 20 anni e, anche se sei in forma e in salute, non è il caso di sforzarsi oltre i limiti. Pianifica almeno due giorni di riposo a settimana, riduci la quantità di allenamento anaerobico e gli sforzi troppo duri e esegui un’attività sportiva di compensazione per allenare il tronco.

© 2013 SUPERBICI